Nella “San Salvo family week” la preghiera per le famiglie che affrontano la malattia e le dipendenze

Il terzo giorno della settimana (dal 14 al 21 marzo) di preghiera per la famiglia indetta dai parroci di San Salvo, don Raimondo Artese e don Beniamino Di Renzo, è stata dedicata alla preghiera per le famiglie che affrontano la malattia e le dipendenze.

Quando si vive la sofferenza di una malattia o una dipendenza in prima persona o all’interno di un nucleo familiare ci si accorge che c’è qualcosa che non quadra: con una buonissima probabilità nessuno la vorrebbe e tutti la scanserebbero. Di Gesù stesso, che ha vissuto nella carne ogni cosa, ci viene raccontato che disse “Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice! “.

È come se l’uomo fosse fatto per essere felice ma poi arriva, quando meno te lo aspetti, una imprevista sofferenza, non facile da accettare e costringe a rimettersi in discussione.

E quando sofferenza si chiama malattia o dipendenza non coinvolge la singola persona ma nella maggior parte dei casi viene abbracciata dall’intera famiglia. Ci sono anche madri e padri, molto probabilmente per paura o semplice egoismo, che hanno gettato la spugna e hanno scelto la fuga. La disabilità e la malattia in famiglia non appartengono mai solo all’interessato ma diviene la malattia e la dipendenza di tutta la famiglia, si diventa un tutt’uno.

“Per le famiglie che vivono nel loro grembo il dolore di una malattia, perché possano, nella Croce, trovare la forza della Speranza e nella Famiglia di Nazaret l’esempio del custodire la vita come bene prezioso ed unico facendosene carico con amore fino alla fine. E per le famiglie che affrontano la difficoltà di convivere con il dramma di una dipendenza, perché possano, come Giuseppe, rimanere al “fianco” cercando, insieme e con fermezza, la via della liberazione da queste catene invisibili che tanto possono schiacciare e ferire il cuore umano. Per questo noi ti preghiamo.”

Questa preghiera preparata per l’occasione da una coppia della parrocchia di San Nicola che si occupa di pastorale familiare è stata annunciata in ogni celebrazione parrocchiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20