Festa di San Vitale al tempo del Covid-19: 25 e 28 aprile 2021

Speravamo potesse passare presto il tempo di restrizioni della pandemia, ma anche quest’anno la festa di San Vitale, nostro patrono, sarà vissuto con tante limitazioni.

In questi giorni leggevo: “In Italia e anche in altri Paesi folle devote riempiono, ogni tanto, con fervore le piazze e grandi occasioni rituali destano il momentaneo interesse della gente e dei media, ma le chiese si svuotano ogni giorno di più, i sacramenti come il battesimo e il matrimonio religioso cadono sempre più in disuso e soprattutto sparisce la cultura cristiana …”

Quest’anno ricordiamo anche il 7° centenario della morte di Dante che morì a Ravenna dove era stato martirizzato e sepolto San Vitale.

Il Papa nella Lettera Apostolica Candor Lucis Aeternae dice: «Egli diventa così l’esule. il “pellegrino pensoso”, caduto in una condizione di «dolorosa povertade» (Convivio, I, III, 5) che lo spinge a cercare rifugio… Nelle parole di Cacciaguida, antenato del Poeta, si percepiscono l’amarezza e lo sconforto di questa nuova condizione: «Tu lascerai ogne cosa diletta / più caramente; e questo è quello strale / che l’arco de lo esilio pria saetta. / Tu proverai sì come sa di sale / lo pane altrui, e come è duro calle / lo scendere e‘l salir per l’altrui scale» (Par. XVII, 55-60)… Dante, dunque, rileggendo soprattutto alla luce della fede la propria vita, scopre anche la vocazione e la missione a lui affidate, per cui paradossalmente, da uomo apparentemente fallito e deluso, peccatore e sfiduciato, si trasforma in profeta di speranza.» (Candor Lucis Aeternae 2-3)

Ogni persona, ogni comunità vive nel tempo alcuni ritmi e vicende nelle quali trova il senso più profondo per continuare a definirsi come tale. Così è per le feste patronali. Abbiamo bisogno di approfondire la memoria perché il domani non sia vuoto. Non recidiamo le radici ma non mortifichiamo neppure i rami. E ciò perché in tutti cresca il desiderio della scoperta del senso vero della festa, senza ricorrere a sfarzo e esteriorità ma crescano in tutti la fede e non il devozionismo al patrono della nostra San Salvo.              

(Don Raimondo Artese, parroco della chiesa San Giuseppe)

Questo il programma della festa:

Dal 19 aprile alle 8.30 e alle 17.30: Novena a San Vitale al termine delle celebrazioni

Domenica 25 aprile ore 10.00 e ore 11.30 S. Messa in Piazza   

             Benedizione delle Sagnitelle da realizzare in Famiglia

Martedì 27 aprile ore 18.30  S. Messa – Benedizione dei Taralli da fare in famiglia

Mercoledì 28 aprile:

  • ore 8.30  S. Messa
  • ore 10.30 S. Messa
  • ore 17.00 La statua di S. Vitale,  passerà per le strade cittadine su un’auto
  • ore 18.30 S. Messa

Tutti gli eventi saranno trasmessi sulla pagina Parrocchie3.1. Postate le vostre foto con #sanvitale2021

Un saluto dal Parroco e dal Comitato Feste San Vitale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20