Ancora una volta!

Quinta settimana del Tempo Ordinario – Sabato

Commento al Vangelo di Marco 8,1-10

A cura di Don Giovanni Boezzi

Carissimi, ancora una volta Gesù moltiplica il pane e rinnova il gesto di misericordia. Ancora una volta avverrà tutto ciò che tale gesto comporta: la partecipazione non cosciente dei discepoli alla distribuzione, la sazietà dei commensali e l’avanzo delle sporte, segni questi ultimi di pienezza e anticipazione. Ancora una volta vuol dire non due volte, ma sempre! Con la ripetizione, il fatto dei pani rimane fissato per sempre, come mistero continuo della misericordia di fronte alla quale cozza continuamente la nostra cecità. Essa pure però può, ancora una volta, essere vinta nella speranza di chi sa farsi povero e accettare il pane. La meditazione del pane si approfondisce quindi se la ripetizione del vangelo non è semplicemente un doppione, ma il riscontro di un perenne fatto del cuore dell’uomo. Il pane è moltiplicato di nuovo per me, nonostante il mio peccato. Ma vi è di più: è moltiplicato col rischio di diventare esso stesso nuova occasione di peccato. Così mi ama il Signore. A fondo perduto. Il suo dono, con cui ogni giorno mi avvolge, senza ancora riuscire ad avvincermi, sarà forse la rinnovazione della mia durezza di cuore.

Oggi prego con il Salmo 89.

_____________________________________________________________________________________________________________

Dal Vangelo secondo Marco (8,1-10)

In quei giorni, poiché vi era di nuovo molta folla e non avevano da mangiare, Gesù chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione per la folla; ormai da tre giorni stanno con me e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle loro case, verranno meno lungo il cammino; e alcuni di loro sono venuti da lontano». Gli risposero i suoi discepoli: «Come riuscire a sfamarli di pane qui, in un deserto?». Domandò loro: «Quanti pani avete?». Dissero: «Sette». Ordinò alla folla di sedersi per terra. Prese i sette pani, rese grazie, li spezzò e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; recitò la benedizione su di essi e fece distribuire anche quelli. Mangiarono a sazietà e portarono via i pezzi avanzati: sette sporte. Erano circa quattromila. E li congedò.
Poi salì sulla barca con i suoi discepoli e subito andò dalle parti di Dalmanutà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20