Novena di Natale: 1° giorno

Accoglienza

Dio ha donato a ognuno di noi dei talenti e ci invita a condividerli, a metterli al servizio degli altri per rendere la vita di tutti più bella e completa. Se chiudiamo in un cassetto questi preziosi doni siamo come quel servo che per pigrizia e paura di sbagliare ha sotterrato il suo talento e lo ha quindi sprecato.

IMPEGNO: oggi chiedo allo Spirito Santo di aprire il mio cuore al talento dell’ Accoglienza. In questi giorni che ci dividono dal Natale provo ad essere per tutti come la capanna del presepe per accogliere con semplicità e senza pregiudizi le persone che incontro. il Vangelo nella Parabola dei talenti Mt 25,14-30 mi fa riflettere che in ogni persona ci sono racchiusi dei talenti,ognuno è un dono per me e io dono per loro.

Noi Ti invochiamo
In mezzo alle angustie del tempo presente
– Noi Ti invochiamo, o Bambino Gesù.

Nella speranza di contemplare in Cielo quelle realtà in cui gli Angeli bramano fissare lo sguardo.
– Noi Ti invochiamo, o Bambino Gesù.
Per noi stessi e per quanti attendono con fiducia la Tua venuta
– Noi Ti invochiamo, o Bambino Gesù.
Per il mondo intero e per gli uomini che ancora non Ti conoscono
– Noi Ti invochiamo, o Bambino Gesù.

O Bambino Gesù, degnati di accogliere la preghiera di quanti credono e sperano in Te; vieni presto a liberarci da questo nostro esilio, e riuniscici nel Tuo regno glorioso, dove Tu vivi e regni con il Padre e lo Spirito Santo nei secoli dei secoli. Amen.

8. Il cuore del presepe comincia a palpitare quando, a Natale, vi deponiamo la statuina di Gesù Bambino. Dio si presenta così, in un bambino, per farsi accogliere tra le nostre braccia. ( dalla lettera apostolica “Admirabile signum” di Papa francesco)

Buon Cammino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20