Marco: “La sofferenza del tumore di persone care mi ha spinto a dedicarmi alla ricerca”

Una soddisfazione umana e sociale per la ricerca grazie a Marco Natuzzi, giovane ricercatore italiano, che ha sempre vissuto a San Salvo, all’estero, che ha conseguito l’11 maggio a soli 28 anni il dottorato di ricerca in Chimica all’Università Claude Bernard Lyon 1.

Sin da bambino ha avuto un’ intelligenza “vivace”.

A dodici anni dopo aver superato le selezioni regionali,  ha partecipato alle Olimpiadi Nazionali di Matematica all’Università Bocconi di Milano. 

A diciotto anni ha vinto a Sirmione una medaglia d’argento alle Olimpiadi Nazionali di Informatica. Dopo il liceo si è iscritto al corso di laurea in Ingegneria dei Materiali e delle Nanotecnologie presso il Politecnico di Milano. Ben presto questi studi lo hanno orientato nel campo della ricerca medico scientifica.

 Questa decisione è maturata a causa di un evento doloroso, un caro compagno di classe Simone è venuto a mancare all’età di 18 anni a causa di un tumore, il linfoma di Burkitt che colpisce gli organi del sistema linfatico.

Subito dopo negli anni successivi sono morti due nonni per tumore, e ciò ha suscitato sempre di più il desiderio di focalizzare i suoi studi in questo ambito.

Durante la laurea magistrale è stato scelto per un progetto di doppia laurea all’estero in Francia, dove ha conseguito alla Scuola Normale Superiore di Lione la laurea in Fisica e Chimica.

Subito dopo ha iniziato un dottorato di ricerca in Chimica per la start-up MexBrain, con l’obiettivo di sviluppare un dispositivo medico per estrarre selettivamente i metalli in eccesso nell’organismo.

La prima patologia trattata sarà la malattia di Wilson, caratterizzata da un accumulo eccessivo di rame nell’organismo, in particolare fegato e cervello. La prima sperimentazione sull’uomo è prevista entro l’anno.

La sua aspirazione al momento è quella di proseguire nel campo della ricerca.

Alla luce di questo percorso, come mamma posso solo dire GRAZIE, e augurarmi che la sua vita sia sempre rivolta verso il vero, il buono e il bello che c’è ancora in questo nostro mondo. I talenti che ognuno di noi ha ricevuto non vanno tenuti nel cassetto, ma vanno messi a frutto e a servizio degli altri.” – ha commentato la mamma Filomena Nicolardi alla luce di questo importante traguardo del figlio Marco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Youtube20