Le Ceneri

Fin dall’inizio (II secolo) i cristiani si preparavano alla Pasqua con due giorni di digiuno e penitenza. Successivamente, queste pratiche furono estese all’intera settimana santa e nel 325, il Concilio di Nicea, già conosceva la preparazione alla Pasqua per 40 giorni, sul “modello” di Gesù il quale trascorse 40 giorni nel deserto. Senza poi contare i 40 anni nel deserto da parte del popolo d’Israele, i 40 giorni di digiuno di Mosè sul Sinai o di Elia sull’Oreb. All’inizio la Quaresima cominciava sei domeniche prima di Pasqua: ma dato che nelle domeniche non si digiunava, nel V secolo si procedette a sganciare il Giovedì e Venerdì Santo dal Triduo pasquale e li si calcolò come Quaresima. Più tardi, si decise di anticipare la Quaresima di quattro giorni e così si giunse all’attuale Mercoledì delle Ceneri. Con l’inizio della Quaresima cominciava anche la penitenza pubblica per coloro che si erano resi colpevoli di colpa grave (apostasia, omicidio, adulterio): vestiti con abiti penitenziali e aspersi di cenere, giravano per le città, quasi a ricordare la “cacciata dal paradiso”. Verso la fine dell’anno mille, la pratica della penitenza pubblica andò scemando e si mantenne l’imposizione delle ceneri a tutti i fedeli. Nel XII secolo, si trova usanza di ottenere la cenere dall’ulivo dell’anno precedente.

State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli. Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando pregate, non siate simili agli ipocriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà. E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipocriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa.  Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà (Mt 6,1-6.16-18).

Deserto

La Quaresima è una condivisione dei 40 giorni di Gesù nel deserto, tentato da Satana. Forse abbiamo in mente i classici deserti di sabbia e solitudine, di pericoli e di agguati. Ma per noi, oggi, deserti più impegnativi da affrontare sono la fatica e le difficoltà del vivere o l’aridità delle nostre vite. Così, questo tempo di grazia, definito da don Tonino Bello “vita in scala”, insegna a non scegliere le scorciatoie dei facili compromessi, della sfiducia, del peccato, ma di saper condividere il tempo con Gesù per imparare a dare le giuste priorità.

Preghiera, digiuno, carità

Recuperare il tempo per l’ascolto della Parola di Dio e del pregare, è l’invito a mettere Dio prima che sé stessi. Digiunare è rinunciare a ciò che ci riempie in tanti modi, ma non sazia il cuore: preghiera ed Eucaristia saziano il cuore e danno senso alla vita, perché l’amore sazia la vera fame e sete di vita e di felicità. Se il pregare apre il cuore alle cose vere e il digiuno educa a scegliere ciò che veramente conta nella vita, la carità ne è la naturale conseguenza. Forse c’è chi ritiene superato il “digiuno dalle carni”, ma se a ben pensarci non costa più “rinunciare alla carne”, forse continua a costare l’obbedire alla Chiesa, Madre e Maestra, che invita a farlo: e questo suggerisce tutta la sua attualità. Ma accanto a questo digiuno, non possiamo dimenticare il digiuno dall’egoismo, dalla sfiducia, dalle false sicurezze, dall’odio, dall’indifferenza 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Youtube20