La chiesa della Madonna delle Grazie a Vasto

VASTO. La chiesa della Madonna delle Grazie è posta all’angolo della nuova via Adriatica, sulla zona della frana del 1956, affacciata sull’omonimo belvedere e l’incrocio che riporta sulla Statale 16, a ridosso dell’omonima Arena delle Grazie.

Sull’arcale dell’edificio è riportata l’ iscrizione: Ano Dni M.° D.° XXXVI (1536) – Fo facta questa veneraye  cappeya Scta Maria de la Gra dele elemosine: che ce a facto li boni Cristiani nel tēpo dela procuratione de Millio de Sctis et Mascio Capono.

Da questa iscrizione si presume che la chiesa sia stata costruita nel 1536.

(Da http://noivastesi.blogspot.com/2013/07/domani-festa-della-madonna-delle-grazie.html – di Lino Spadaccini)

La cappella venne intitolata a S. Maria delle Grazie, probabilmente per il voto espresso dai fedeli vastesi, che erano rimasti illesi dalla peste del 1529. Alla chiesa vennero aggiunti una piccola abitazione, posta su due piani, ed un orticello per l’Eremita.

Incendiata dai Turchi nel 1566, la chiesa venne prontamente restaurata, due anni più tardi, grazie all’intervento finanziario di Ferrante di Vito.

Con rogito del 29 gennaio 1636 del notaio Nicola Fantini, l’Università del Vasto, che aveva l’incarico di provvedere a farvi celebrare la Messa quotidiana, affidò la cappellania della chiesa a Iacopo Di Bernardo.

All’interno della chiesa, come riferisce lo storico vastese Nicola Alfonso Viti, si custodivano i quadri della Visitazione, di S. Rocco e di S. Sebastiano, opere del pittore vastese Giovan Lorenzo Caravagio.

Il massiccio portale in noce, opera dell’artigiano vastese Domenico Memmo, venne inaugurato da don Romeo Rucci, in occasione della festa del 1955, alla presenza dei fedeli e dei coniugi Michele e Addolorata Del Borrello, cittadini vastesi emigrati negli Stati Uniti, i quali donarono l’opera.

Nel 1924 si registrò un atto sacrilego compiuto ai danni della Madonna delle Grazie. La notte del 24 giungo, poco dopo la mezzanotte, ignoti ladri si introdussero all’interno della chiesa per rubare gli ori e gli ex voto donati alla Madonna. In realtà l’improvviso abbaiare del cane della famiglia di Paolo Ciotti (per tanti anni custode della chiesa), che abitava nella casa attigua alla chiesa, aveva allertato la famiglia. Sospettando che qualche ladruncolo si fosse introdotto all’interno, Paolo Ciotti si affacciò da un finestrino che guardava all’interno della cappella, ma non vedendo nulla di anomalo tornò a letto.

Amara fu la scoperta fatta il mattino seguente. Ignoti ladri, per mezzo di una scala a pioli, lasciata incustodita vicino la chiesa, erano saliti sino al finestrone dell’abside e da lì, rimossa la rete di ferro e tagliato con un diamante il vetro, si erano calati all’interno della chiesa, spogliando degli ori e gioielli la sacra immagine della Madonna. Addirittura per rubare un anello, non esitarono a spezzare un dito dell’antica statua. Pochi giorni dopo vennero tratti in arresto, come presunti autori del furto, quattro venditori ambulanti pugliesi.

Il 1° luglio del 1954, a devozione del dr. Giovanni De Sommain, veterinario del Comune, che visse a Vasto tutte le vicende della guerra, venne inaugurata una lapide posta sulla facciata della chiesa, ancora oggi presente.

Questo il testo:

Madre nostra
Madonna delle grazie
A te
Che leggesti nei nostri cuori
Le ansie le sofferenze i tormenti
E le angoscie
Durante una guerra combattuta
Col sangue e col sacrificio dei nostri
Figli
E ci salvasti nell’ora suprema
Quando il flagello colpiva le
Nostre contrade
Minacciando morte e distruzione
A te
Che ascoltando le nostre preghiere
Ci ridonasti la pace

Vasto 1940-43

I tesori di santa Madre Chiesa

Non a caso, Dio che è l’Amore e  bellezza infinita per eccellenza, è senza ombra di dubbio il più grande ispiratore delle più grandi opere d’arte al mondo. E se pensando a come dei semplici blocchi di marmo sono diventati ad esempio opere come il Cristo Velato e la Pietà di Michelangelo si può provare a immaginare la fede dei dei suoi autori. Quanto stupore ha saputo suscitare nelle mani d’uomo il figlio di Dio?

Santa Madre Chiesa ha un incredibile patrimonio di opere d’arte che avvicinano l’anima dell’uomo a Dio. Ogni martedì pubblicheremo uno di questi patrimoni.

Cliccando sulla categoria “I luoghi e i tesori della chiesa” (leggi) ci sono tutti gli articoli del blog www.parrocchie31.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Youtube