Benedetto puledro!

(Commento al Vangelo di don Nicola Florio)

In questi giorni tanti mi hanno chiesto: ma quest’anno non potremo ricevere un ramo di ulivo benedetto? Che Domenica delle Palme sarà?

Ho cercato di riflettere anch’io; sono sicuro che il Signore ci sta chiedendo di uscire fuori dai nostri “riti” spesso abitudinari e qualche volta vuoti, per riscoprire il significato profondo di ciò che celebriamo.

La liturgia della Chiesa in questo giorno è ricca di chiaroscuri. Si parte dal festoso ingresso di Gesù nella città santa dove viene detto a gran voce: «Benedetto colui che viene nel nome del Signore» (Mt 21,9); si arriva al terremoto – storico e teologico – in cui si manifesta la profondità dell’Amore di Dio che per noi si è incarnato e ha dato tutto se stesso fino alla fine. Di fronte a questa manifestazione, in cui saltano tutti gli schemi (come per noi quest’anno), un uomo – un centurione romano – preso da timore e da stupore afferma: «Davvero costui era Figlio di Dio» (Mt 27,54). Dio manifesta tutta la grandezza del suo Amore, umiliandosi e morendo in croce per noi.

In questo dramma ampio e articolato, c’è un particolare che l’evangelista Matteo sottolinea con cura, richiamando un’antica profezia messianica di Zaccaria. Gesù esprime ai suoi discepoli una singolare richiesta: «Andate nel villaggio di fronte a voi e subito troverete un’asina, legata, e con essa un puledro. Slegateli e conduceteli da me» (Mt 21,2). E l’evangelista aggiunge: «Questo avvenne perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta: Dite alla figlia di Sion: “Ecco a te viene il tuo re, mite, seduto su un’asina e su un puledro, figlio di una bestia da soma”» (Mt 21,4-5).

Il Signore ha bisogno di un puledro per entrare in Gerusalemme e portare così a compimento la sua opera di salvezza. Beh: quel puledro, figlio di una bestia da soma, non pensava proprio di essere così utile al Signore!

Ecco ciò che possiamo vivere in questa Domenica delle Palme differente: lasciamoci sciogliere dalla nostra paura di essere inutili e di non servire a nulla di bello e di grande. Offriamo al Signore quello che siamo: a Lui servirà per realizzare ancora oggi il suo disegno di salvezza, per compiere il suo desiderio di essere il “Dio con noi” (Mt 1,23) e con tutti. Affermare che il Signore ha bisogno del nostro dorso, significa credere che con Lui le cose, le persone, il mondo possono realmente cambiare; significa credere alla potenza dell’Amore che vince ogni timore; significa fidarci di un Dio che dalla morte fa rinascere la Vita. E questa è la Pasqua. Solo attraverso questa disponibilità offerta al Signore, lo Spirito Santo può renderci testimoni del Re autentico, può farci vivere la nostra vita come Colui che si dona per amore: «Gesù di nuovo gridò ed emise lo spirito» (Mt 27,50).

Diventiamo come quel puledro… e forse vivremo la Settimana Santa più bella di tutta la nostra vita, cominciando da una Domenica senza palme… ma con più puledri!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20