Oggi 48° giornata nazionale per le vocazioni

(Don Raimondo Artese)

La 4ª domenica di Pasqua è la giornata di Preghiera per le Vocazioni e l’immagine proposta, dal Vangelo, è quella del Dio-Pastore che guida e custodisce il suo gregge. Gesù, infatti, si presenta come il “buon pastore” la cui voce è conosciuta da coloro che lo seguono, proprio perché, come il Pastore, Lui la guida e si prende cura del gregge.
Gesù, il Maestro, è definito proprio “Buon Pastore” perché lo è realmente: 1) ha donato la vita per i suoi, si è sacrificato in croce per la nostra salvezza; 2) ha speso la sua vita per annunciarci l’Amore del Padre.
Qualcuno potrebbe dire: “Ma queste cose le conosciamo già, ci dici sempre le stesse cose”. Si, le abbiamo sentite tante volte a Messa (quando partecipiamo!), al catechismo l’ho detto ai ragazzi, ma dobbiamo chiederci: “Abbiamo veramente ascoltato ciò che Gesù ha fatto per noi?”.
Se la nostra vita frenetica, non ci fa fermare a riflettere, sembra che questo della Pasqua, che anche quest’anno abbiamo vissuto in modo limitato a causa della pandemia, e come se non fosse mai avvenuto, allora veramente sono solo parole ripetute e portate via dal vento. La fede non è una storia da raccontare ma un’esperienza da vivere giorno dopo giorno.
Ed io cerco di essere con chi mi sta accanto come il Buon Pastore o sono un mercenario che mi aspetto solo un compenso per ciò che faccio? Bado a chi è più fragile o solo a chi mi può far rendere di più?

Signore Gesù, Tu sei amorevole verso tutti e ti prendi cura di ciascuno di noi, non perché siamo bravi mti sei vicino a noi per curare le nostre fragilità, Ti chiedo apri il mio cuore fa che io possa accogliere la Tua Parola e viverla. Amen

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20