Il racconto di due giovani in convento per tre giorni

SUBIACO (RM). Venti giovani tra i 15 e 20 anni, accompagnati dal parroco don Beniamino Di Renzo , dal 23 al 25 agosto hanno vissuto una intensa esperienza di spiritualità presso la Casa di Preghiera “San Biagio” a Subiaco.

Di seguito il racconto di quanto vissuto da Serena e Alice in questi giorni.

Serena

I nostri occhi in questi giorni erano diversi.
Erano forse un po’ stanchi, un po’ assonnati, ma così splendenti da farci dimenticare il resto.
Se è vero che gli occhi sono lo specchio dell’anima allora la nostra anima era piena, carica di emozioni e appagata dalla piacevole compagnia.
Lì abbiamo riscoperto per qualche giorno la vera serenità, quella sensazione che ti fa stare bene senza che tu te ne accorga.
Abbiamo riscoperto quanto possa essere bello un semplice buongiorno detto con un’espressione assonata ma felice e quanto calore possa donare un abbraccio prima di andare a dormire.
Abbiamo riscoperto le cose semplici, quelle stesse cose che nella vita frenetica di tutti i giorni diventano abitudine.
Abbiamo riscoperto il silenzio che è difficile da vivere a fondo, ma che alla fine scatena in noi qualcosa di non indifferente.
Un turbine di sensazioni diverse che fanno capo ad un unico comandamento, come ci ha insegnato Suor Maria Pia: AMARE.
Essere amati è sentirsi speciali.
E allora perché non amare per far sentire speciali anche gli altri?
Tutti noi riceviamo amore da Lui e dalla Sua Parola, ma a volte ce ne dimentichiamo.
Vedere quel bagliore negli occhi dei miei compagni è stato un modo per incidere nel mio cuore il Suo Amore, così da ricordarmene anche quando sembrerà voltarmi le spalle.

Alice

Mai avrei pensato che tre giorni in una casa di preghiera mi avrebbero fatto così bene. Mai avrei immaginato che la vita, lì, non é come la si pensa da fuori, ma é molto molto di più. Mai avrei creduto a quanta allegria c’è tra le persone, anche nei momenti apparentemente più noiosi, come ad esempio quello del lavaggio dei piatti. Sono stati tre giorni intensi, lunghi e tanto tanto diversi dal solito. Il silenzio, la pace e l’armonia che c’è in questo posto, immerso nella natura, non credo sia facile da trovare in un altro luogo. Di Subiaco mi mancheranno le nostre magnifiche suore, compagne di ogni cosa nel corso di questo tempo. Mi mancherà apparecchiare, sparecchiare, pulire il vialetto, lavare i piatti. Mi mancherà vedere i sorrisi stanchi, ma veri, sulle labbra di ognuno di noi. Questa avventura ci ha permesso di conoscere nuove persone, nuovi punti di vista e ci ha fatti mettere in discussione come cristiani e come giovani. Suor Maria Pia ci ha invogliati ad essere raggi di sole, per illuminare la nostra vita e quella degli altri, e credo che questa esperienza ci abbia aiutato a capire come fare nel modo migliore possibile: con gioia e con amore!

Serena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20