Una corrente di grazia vissuta da 600 ragazzi a San Salvo Marina

Un evento degno da festeggiare è stato il 50° compleanno dell’Azione Cattolica Ragazzi (ACR) vissuto da circa 600 ragazzi tra i 6 e i 14 anni della diocesi di Chieti-Vasto che si sono ritrovati a San Salvo Marina domenica 10 novembre. Un intuizione profetica dell’Azione Cattolica che che da esattamente mezzo secolo ha segnato in maniera significativa la storia della Chiesa: trasmettere l’amore per il Cristo vivente sin dalla più tenera età è il poggiare dei mattoni che potranno edificare un mondo che pone al centro i valori del Vangelo.

Una vera e propria corrente di grazia è stata vissuta in questa giornata non solo dai ragazzi che erano i veri protagonisti dell’evento ma anche da tutti gli educatori (qualcuno di solo qualche anno più grande), e presbiteri che si sono messi a servizio in maniera gratuita di questi fratelli più piccoli divenendo quei “servi inutili” professati da Gesù nel Vangelo: il “servo inutileche fa senza accorgersene delle cose grandi. Molte le mamme che hanno voluto preparare un dolce per questo evento straordinario.

Nel momento in cui i genitori accompagnavano i figli al palazzetto dello sport, primo luogo di ritrovo e nel vedere sopraggiungere diversi autobus pieni di ragazzi respiravano il grande clima di festa che avrebbe dominato la festa diocesana dei 50 anni dell’Acr che è stata una festa soprattutto perché sono stati semplicemente insieme anche se solo per una giornata insieme . Una giornata che si è conclusa con una gioiosa celebrazione eucaristica officiata dal vescovo Bruno Forte, Mario Pagan, padrone di casa delal parrocchia che ha ospitato l’evento, ed altri sacerdoti della diocesi.

Di seguito le parole di uno degli educatori, di soli 14 anni, coprotagonisti di questo evento:

“Domenica è stata una bellissima giornata come un po’ tutte quelle feste organizzate dalla nostra Azione Cattolica. Una delle cose che più mi riempie il cuore durante queste giornate è il rincontrare tutti quegli amici che conosco da quando ho iniziato a stare in Acr e che, per motivi di distanza, non vedevo da un po’ di tempo: amici con cui ho stretto un forte legame dopo aver semplicemente trascorso giornate e pomeriggi insieme. In particolare è stato bello incontrare quei ragazzi degli altri paesi della diocesi con cui ho vissuto un campo scuola di 3 giorni ci hanno dato una piccola ma grande formazione su come essere ciò che sono loro e che io definisco fantastici perché riescono a rendere bello, e, non molto difficile da comprendere, ciò che unisce tutti noi ragazzi dell’Acr: “l’amore per Gesù”.

E’ stata una giornata fantastica in cui ho vissuto in contemporanea due stati d animo: da una parte la gioia e la felicità della festa e dall’altra il timore perché è stata la mia prima festa diocesana da educatore. Non è sempre semplice insegnare ad altri bambini ciò che fino a pochi mesi prima hai fatto tu. Il fatto di trovarsi nel giro di pochissimo tempo dall’altra parte è stata un pò come una scommessa che sono riuscito a vincere anche con l’aiuto di altri ragazzi con i quali siamo riusciti a far divertire e giocare il gruppo che ci era stato affidato. Inoltre la giornata è stata ancora più bella perché non era semplicemente una festa ma era una festa di compleanno e quindi la letizia e la felicità erano ancora più grandi.

Il momento più bello è stato quando abbiamo spento tutti insieme le classiche candeline che si spengono ad un compleanno ( a modo nostro però) ed è stato bellissimo perché ognuno di noi, e contemporaneamente a tutti gli altri, ha potuto esprimere il desiderio che aveva nel cuore.

Rifacendomi un po’ allo slogan dell’Acr di quest’anno mi viene proprio da dire che domenica San Salvo è stata la città giusta per chi voleva divertirsi ed essere felice. L’ultimo momento è stato quello che tutti vorrebbero evitare: i saluti che portano un po’ di tristezza perché sai che per un bel po di tempo non vedrai quei ragazzi, quegli amici ma è anche un momento che porta la gioia dell’attesa di un nuovo incontro.(Andrea Di Criscio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20