“Sull’esempio di Maria, impariamo a dire “Sì” a Dio”

(Commento al Vangelo di don Mario Pagan)

Siamo alla quarta domenica di Avvento caratterizzata in modo particolare dal tema mariano, perché nella domenica più vicina al Natale la liturgia ci fa volgere lo sguardo alla Vergine, a Colei che a nome di noi tutti ha collaborato con Dio, perché potesse realizzarsi l’opera della salvezza. Il Verbo divino (Cristo Gesù) che viene a nascere tra noi  è un grande è un grande e sconvolgente mistero di grazia. Ciò che celebriamo nella liturgia non è semplicemente una memoria di cose passate. Ma un evento sempre attuale: l’esperienza di Maria può essere oggi l’esperienza della Chiesa e di ciascuno di noi, perché il Verbo della vita vuole incarnarsi nella nostra vita, e attraverso di noi donarsi a tutti.

Chiamata ad essere  la Madre del Verbo – annunzio che è dono ma richiede anche una grande responsabilità – Maria dice “sì”, lo ripete in ogni momento della sua esistenza acconsentendo a tutto quello che il Padre giorno per giorno, ora per ora, le chiederà.

Impariamo da Lei a dire la grande parola: ”Sia fatta, o Signore la tua volontà”: si compia il tuo disegno nella nostra vita perché in noi si incarni il tuo Verbo e possiamo così diventare un pagina di Vangelo vivente.

Anche oggi possa nuovamente risuonare il lieto annuncio all’orecchio di tutta l’umanità sconvolta dal male, perché lascia che predominino l’orgoglio, la superbia, e tutte le passioni che si oppongono al Regno di Dio, che è Regno di amore, di pace e di gioia. Chi sa dire “sì” a tutto con fiducia, con bontà, con fede e umiltà, scopre il segreto della gioia perché comprende che è sempre e soltanto per amore che il Signore ci chiede di seguirlo momento per momento, portando la croce. Senza aderire alla volontà divina in ogni situazione non si ottiene la pace del cuore e non si può gustare la vera gioia; se invece si dice ”sì”, anche in situazioni tribolate, anche nella sofferenza fisica e morale, si può conservare nel cuore la gioia e saperla anche dare agli altri. Maria ci ottenga dal Signore la grazia di diventare somiglianti a Lei per diventare somiglianti a Gesù, l’Amen al Padre.

Celebriamo questa domenica, ormai vicinissima al Natale, con questi sentimenti di fede, di gratitudine, di lode e di responsabilità per la salvezza del mondo; abbiamo, infatti, anche noi la facoltà di dare gioia o dolore, la possibilità di dirgli di “sì” in ogni momento per tutto quello che Lui predispone nel suo disegno d’amore. Apriamo continuamente la porta del  nostro cuore e, sull’esempio di Maria, diamo ogni giorno il nostro assenso al Signore che si degna di scendere fino alla nostra miseria per giungere vicino a ogni creatura, per incontrare anche e soprattutto chi non sente bussare al suo cuore e non si apre alla vita, perché è ancora chiuso nel proprio egoismo e nella propria autosufficienza.. questo dono, che gratuitamente riceviamo, dobbiamo ridonarlo a tutti con generosità, affinché anche il mondo veda e creda che è amato da Dio e accetti la salvezza che attraverso il Verbo Incarnato gli viene offerta.

Uniamoci al grande “sì” di Maria perché anche tutti coloro che non hanno speranza e che vivono nell’oscurità possano vedere la luce gioiosa che Dio ha introdotto nell’uomo e nel cosmo donando il suo Figlio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20