Nel cuore della Madre.

VIII settimana del Tempo Ordinario – Lunedì

Beata Vergine Maria Madre della Chiesa – MEMORIA

Commento al Vangelo – Gv 19, 25-34

A cura di don Giovanni Boezzi

Rimanere sotto la croce con lo sguardo su Gesù Crocifisso ci coinvolge anche nell’ascolto delle sue parole, ultime quasi. Rivolte a Maria e al discepolo accanto a Lei. Ad ogni discepolo accanto a Lei. Nel silenzio di questa giornata, accogliere quelle parole significa custodirle e meditarle nel cuore, come ha fatto Lei in tutta la sua vita, sin dal primo atto di fede quando divenne Madre di Dio. Ora è anche Madre nostra, Madre della Chiesa. Ognuno di noi sta nel suo cuore e là possiamo apprendere cosa significhi credere contro ogni evidenza, sperare, contro ogni speranza, amare fino alla fine. Ognuno di noi, vegliando Gesù deposto nel sepolcro, può rinnovare la speranza e la fede nella sua risurrezione e l’impegno a diventare il segno vivo della presenza del Risorto nel mondo di oggi.

Madre dei viventi, Vergine fedele, donaci la gioia di credere con Te.

Oggi prego con il salmo 86.

________________________________________________________________________________________________________________

Dal vangelo secondo Giovanni (19, 25-34)

In quel tempo, stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria madre di Clèopa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco tua madre!». E da quell’ora il discepolo l’accolse con sé.
Dopo questo, Gesù, sapendo che ormai tutto era compiuto, affinché si compisse la Scrittura, disse: «Ho sete». Vi era lì un vaso pieno di aceto; posero perciò una spugna, imbevuta di aceto, in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. Dopo aver preso l’aceto, Gesù disse: «È compiuto!». E, chinato il capo, consegnò lo spirito. Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato – era infatti un giorno solenne quel sabato –, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via. Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all’uno e all’altro che erano stati crocifissi insieme con lui. Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20