Luce che dona colore alle cose.

X settimana del Tempo Ordinario – Martedì

Commento al Vangelo – Mt 5, 13-16

A cura di don Giovanni Boezzi

Commento al Vangelo odierno di don Franco Mastrolonardo

Devo dire scherzosamente che a volte Gesù mi assomiglia a Papa Francesco quando usa questi esempi così semplici e così illuminanti. Che dopo averli sentiti uno dice: ma perchè non ci avevo mai pensato? Oggi Gesù ci parla dei cristiani come sale e luce.
Sale e luce dicono una cosa semplice e immediata: non serviamo a nulla se non serviamo gli altri. Pensiamo al sale. Facciamo questo semplice esperimento. Proviamo prima a metterne in bocca qualche granello. Immangiabile! Ed ora mettiamolo su una calda patatina fritta e mangiamo l’uno e l’altro. Sublime. Semplice no? Il sale da solo nessuno lo mangerà. Invece quando va a condire il cibo allora si gusta ciò che si mangia. Per la luce poi il segno acquista ulteriori contenuti. Dalla fisica sappiamo che la luce si interfaccia con la materia. E per una serie di interazioni sappiamo che vengono fuori i colori. Rispetto al sale dobbiamo dire che la luce in questo caso è essenziale; oltre che dare gusto dà anche vita. Pensiamo ad un mondo senza luce. Non solo si spegnerebbero i colori, ma morirebbe. Per questo noi cristiani siamo luce. Se non illuminiamo il mondo, questo presto morirà. Allora diamoci da fare per dare gusto e colore a ciò che ci sta intorno.

Oggi prego con il Salmo 118.

___________________________________________________________________________________________________________________

Dal vangelo secondo Matteo (5, 13-16)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Voi siete il sale della terra; ma se il sale perdesse il sapore, con che cosa lo si potrà render salato? A null’altro serve che ad essere gettato via e calpestato dagli uomini. Voi siete la luce del mondo; non può restare nascosta una città collocata sopra un monte, né si accende una lucerna per metterla sotto il mòggio, ma sopra il lucerniere perché faccia luce a tutti quelli che sono nella casa. Così risplenda la vostra luce davanti agli uomini, perché vedano le vostre opere buone e rendano gloria al vostro Padre che è nei cieli».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20