Le confraternite per tutti i defunti dimenticati

VASTO. Questo pomeriggio nel piazzale del cimitero di Vasto, per iniziativa della Confraternita del Sacro Monte dei Morti di Vasto, è stata celebrata una messa di suffragio per tutti i defunti dimenticati presieduta dal cappellano don Nicola Fioriti. Alla cerimonia hanno partecipato tutte le Confraternite vastesi, con il coordinatore Nino D’Annunzio che hanno ben accolto l’invito del priore Luigi Ciccotosto, mentre per l’Amministrazione era presente l’assessore alla Cultura Nicola Della Gatta.

Il celebrante ha ricordato come nel primo giorno di novembre si celebra la solennità di tutti i santi che non sono quelli degli eventi straordinari ma sono le donne e gli uomini che incontriamo ogni giorno vivono nel nome di Cristo la loro fede“ perché come dice il Vangelo di oggi sono beati nell’ottica della speranza. E’ vero ora vivete una mancanza, siete perseguitati, avete fame, siete affaticati, ma sarete beati, non vi disperate se siete in grado di non chiudere il cuore rispetto a ciò che verrà dopo”. Don Fioriti ha commentato sul senso della visita dai defunti: “Quando accendete una candela o deponete un fiore, quando li affidiamo alla misericordia del Padre con una preghiera, dobbiamo sempre ricordare che c’è un legame che non si spegne, il lumino un legame che continua”.

Da qui l’impegno verso i defunti dimenticati della nostra città, non solo personaggi che hanno scritto la storia di Vasto ma anche i sacerdoti che hanno segnato la vita delle comunità parrocchiali.
Al termine della messa di suffragio la deposizione di fiori sulle tombe Alfonso e Luigi Genova Rulli, alla famiglia di Giuseppe Spataro, alla famiglia Palizzi, e ai sacerdoti e religiosi don Felice Piccirilli, don Romeo Rucci, don Raffaele Pignatelli, don Romeo Rucci, Padre Alberto Mileno, don Michele Ronzitti, ai Frati Cappuccini, don Paolo Ruggieri, don Salvatore Pepe, don Nicola Di Clemente e don Stellerino D’Anniballe.
Infine un mazzo di fiori a una tomba abbandonata perché non c’è più un familiare che vi sosta per pregare, e segnata in maniera indelebile anche dal tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Youtube20