La meravigliosa formula dell'”ognuno porta qualcosa”

Quante volte ci si fa un giudizio su una persona semplicemente per ciò che appare e poi invece se si ha la possibilità di conoscerla meglio e nel profondo ci si accorge che ha una ricchezza incredibile seppur con tutti i difetti, difetti poi che caratterizzano ogni essere umano?

E questo succede anche all’interno dei vari cammini di fede. Eppure Gesù ci ha detto: Vi do un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri».(Giovanni 13,34-35)

Nei percorsi di crescita nella fede i relatori del Rinnovamento Nello Spirito esortano spesso a creare, all’interno dei vari gruppi, stabilmente dei momenti di convivialità all’interno di ogni singolo gruppo proprio con lo spirito di conoscersi meglio umanamente e crescere così nell’amore vicendevole e di anche invitare altre persone. Il neo pastorale di San Salvo ha accolto questo invito e a dicembre ha sostituito la preghiera di un sabato con una breve catechesi tenuta da Milena Fioriti sul valore della comunità e dei momenti di convivialità in cui ognuno era chiamato a “portare qualcosa”.

La meravigliosa formula dell'”ognuno porta qualcosa” apparentemente non è impegnativa e nessuno è talmente povero da non avere niente da portare. Dare ad esempio una somma di denaro e delegare alcuni che si occupano di comprare ciò che può servire per un momento di convivialità è la cosa più semplice ma di sicuro “la meno comunitaria”.

Nell'”ognuno porta qualcosa”, tutti sono chiamati in prima persona a portare qualcosa che sa e ama fare o portare. Prima ancora che ci si incontra, nel pensare e organizzarsi nel cosa portare, ognuno comincia a portare nel cuore le persone a cui quel cibo, bevanda,..è destinato. Solitamente non manca mai niente e c’è una grande varietà di cibi. E’ una formula che consente di scoprire gusti e talenti nuovi, soprattutto fa crescere nell’amore vicendevole e può nel contempo divenire occasione di evangelizzazione, i due veri fondamenti di ogni cammino di fede .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20