Il profumo nuziale

Venerdì dopo le Ceneri – Tempo di Quaresima

Commento al Vangelo di Matteo 9,14-15

A cura di Don Giovanni Boezzi

Carissimi, in queste parole troviamo un annuncio luminoso: la storia che Gesù viene a inaugurare ha il profumo nuziale, è una storia avvolta nella gioia delle nozze. È Dio lo Sposo che ha fatto con Israele un patto che ha il sapore e la forza nuziale, un’alleanza alla quale Dio rimane fedele, anche quando Israele non lo è. Presentandosi come lo Sposo, Gesù proclama che viene a compiere questo progetto che da secoli i profeti hanno annunciato. Ma questo vangelo chiama in causa anche i discepoli, anzi qui si parla soprattutto di noi. Gesù chiama i discepoli “i figli delle nozze”. Sono dunque chiamati a condividere strettamente la sua missione. Lui è lo Sposo, loro sono i figli delle nozze, sono quelli che partecipano alla festa nuziale. La sua presenza è solo un annuncio e non ancora realizzazione piena delle nozze, che saranno sigillate con il Sangue della croce, ma è sufficiente per avvolgere l’esistenza umana nel clima della festa. Non c’è dunque più spazio per il digiuno. La gioia toglie i segni del lutto. Troppo spesso il cristianesimo viene dipinto come una religione della croce, dimenticando che è anzitutto – e soprattutto – l’annuncio di quell’amore fedele di Dio che riempie di gioia la vita perché è capace di vincere anche la morte. Vivere la Quaresima, significa camminare verso la Pasqua, ci prepariamo a rinnovare il patto di alleanza. Quando fu rimandata la data della sua professione religiosa, Teresa di Lisieux soffrì molto perché aveva un ardente desiderio di donarsi a Dio con tutta sé stessa. In quel momento capì che quel rinvio aveva un valore provvidenziale e fece una preghiera: “O mio Dio! io non ti chiedo di pronunciare i santi voti, aspetterò quanto vorrai, soltanto non voglio che per colpa mia la mia unione con te sia rimandata, quindi ce la metterò tutta per farmi una bella veste arricchita di gemme” (Ms A, 74r). Oggi chiediamo la grazia di vivere nella gioia questo tempo e di preparare giorno per giorno una veste nuova in modo da poter vivere la Pasqua come una festa nuziale.

Oggi prego con il Salmo 50.

______________________________________________________________________________________________________________

Dal Vangelo secondo Matteo (9,14-15)

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù i discepoli di Giovanni e gli dissero: «Perché noi e i farisei digiuniamo molte volte, mentre i tuoi discepoli non digiunano?». E Gesù disse loro: «Possono forse gli invitati a nozze essere in lutto finché lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto, e allora digiuneranno».  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20