“Il nostro cuore, luogo privilegiato in cui incontrare Dio e ritrovarci”

(Commento al Vangelo di don Nicholas Di Crescenzo)

Nel Vangelo di oggi, guardiamo un episodio singolare della vita del Signore: uno scatto d’ira che lo porta a cacciare i mercanti dal tempio di Gerusalemme. Questo fatto vuole innanzitutto riportarci alla nostra di ira, a quante volte perdiamo le staffe e spesso per cose di cui potremmo
farne a meno. Forse oggi l’immagine di Gesù che noi abbiamo viene un po’ turbata: se pensiamo ad un Gesù silenzioso e poco appassionato, che si fa andar bene qualsiasi cosa, abbiamo sbagliato di grosso.

La passione che il Signore mette nella predicazione, come anche per la cura e la dignità del Tempio di Gerusalemme devono essere per noi da esempio e da sprono: Gesù non tollera che la casa di Dio diventi un mercato. Il Tempio è il luogo privilegiato dell’incontro con Dio e con sé stessi, come lo sono le nostre Chiese ma lo è ancor più il nostro cuore, luogo privilegiato in cui incontrare Dio e ritrovarci.

Dunque in questa Terza Domenica di Quaresima fermiamoci un attimo a pensare come curiamo i nostri incontri col Signore, come teniamo ai nostri luoghi di preghiera così sarà la misura con la quale teniamo ad incontrare Dio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error

Ti piace l'articolo? Condividilo sui tuoi social :)

Resta aggiornato
Facebook0
Youtube20